Ethereum è diventato più forte del Nasdaq?

Secondo gli analisti di Bloomberg, il conflitto in Ucraina potrebbe alimentare la sovraperformance della seconda criptovaluta al mondo rispetto al Nasdaq

Ethereum è diventato più forte del Nasdaq?
2' di lettura

Gli analisti di Bloomberg hanno determinato alcuni motivi per cui Ethereum (CRYPTO:ETH) starebbe ottenendo un vantaggio sul Nasdaq 100.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Nell’edizione più recente del report sulle prospettive delle criptovalute di Bloomberg, gli analisti hanno affermato che il vantaggio di Ethereum rispetto al Nasdaq potrebbe essere “alimentato” dalla guerra in Ucraina.

“La sovraperformance duratura e il calo del rischio relativo rispetto all’indice azionario sono stati i fattori principali che hanno favorito la criptovaluta prima dell’invasione della Russia”; così hanno commentato gli analisti guidati da Mike McGlone, senior commodity strategist di Bloomberg Intelligence.

Leggi anche: Bitcoin, Ethereum e Dogecoin in calo: ansia per l’Ucraina



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il report ha anche evidenziato che la volatilità di Ethereum a 260 giorni è generalmente diminuita rispetto alla stessa misura di rischio del Nasdaq da quando ha raggiunto il picco di 11 volte nel 2018; questa cifra è ora vicina alle 3 volte e gli analisti prevedono che continuerà a scendere, “soprattutto se la guerra incrementerà i rischi di recessione e la volatilità del mercato azionario”.

“I fondamentali rialzisti sono intatti e la guidance tecnica è stata semplice, con gli acquirenti che hanno beneficiato a circa 2.000 dollari e i venditori a circa 4.000 dollari”, sostiene il report.

“Se il mercato azionario scenderà di nuovo, è più probabile che Ethereum rivisiterà la fascia più bassa dell’intervallo. Se l’azionario dovesse crollare velocemente, Ethereum potrebbe ripetere quanto visto la scorsa estate e rivisitare i circa 1.700 dollari; una volta eliminate le posizioni long a leva più deboli, la conclusione è che verrà raggiunto un nuovo massimo intorno ai 4.800 dollari a novembre”.

Movimento dei prezzi

Venerdì Ethereum era in ribasso giornaliero del 7,12% a 2.703,12 dollari; nello stesso periodo, Bitcoin (CRYPTO:BTC) era in calo giornaliero del 5,50% a 40.922,50 dollari.

Vuoi leggere altre notizie sui mercati azionari e le criptovalute? Non perderti la nostra newsletter per imparare a fare trading sulle opzioni.