Criptovalute sotto pressione per la liquidazione di 3AC

I miner sotto pressione stanno vendendo i loro BTC, ma chi sta comprando?

Criptovalute sotto pressione per la liquidazione di 3AC
4' di lettura

Mercoledì notte le due criptovalute principali Bitcoin ed Ethereum erano sotto pressione nonostante abbiano scambiato al di sopra dei livelli chiave, rispettivamente, di 20.000 e 1.000 dollari; al momento della pubblicazione, la capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute era in calo del 2,89% a 875,3 miliardi di dollari.

Andamento dei prezzi delle principali monete
Moneta 24 ore 7 giorni Prezzo
Bitcoin (CRYPTO:BTC) -2,7% -5,25% 19.487,41 dollari
Ethereum (CRYPTO:ETH) -5,44% -3,33% 1.062,10 dollari
Tether (CRYPTO:USDT) +0,03% -0,03% 0,9988 dollari
Monete in maggior rialzo nelle ultime 24 ore (dati di CoinMarketCap)
Criptovaluta Variazione % nelle ultime 24 ore (+/-) Prezzo
TerraClassicUSD (USTC) -30,52% 0,0537 dollari
0x (ZRX) +7,04% 0,3389 dollari
Stacks (STX) -10,50% ​0,4001 dollari

Perché è importante

Martedì Bitcoin è scivolato sotto la soglia dei 20.000 dollari, toccando un minimo giornaliero di 19.937,79 dollari; nello stesso lasso di tempo Ethereum ha oscillato intorno alla soglia dei 1.000 dollari, ma è riuscito a mantenere il livello.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

I mercati delle criptovalute sono finiti sotto pressione dopo che è emersa la notizia che un tribunale delle Isole Vergini britanniche ha ordinato la liquidazione dell’hedge fund Three Arrows Capital (3AC) guidato da Zhu Su.

Anche gli asset di rischio come le azioni sono rimasti deboli in un contesto di “ottimismo limitato” dopo l’uscita dei dati sugli utili forniti dai rivenditori, secondo Edward Moya, analista di mercato senior di OANDA.

L’analista ha osservato che gli investitori hanno rimosso 10 miliardi di dollari dai fondi azionari solo la scorsa settimana e sembra improbabile che il sentiment su un “atterraggio morbido” da parte della Federal Reserve migliorerà drasticamente.

Moya ha poi aggiunto: “Se Bitcoin rompe al di sotto del recente minimo di circa 17.500 dollari, non c’è molto supporto fino al livello dei 14.500 dollari”.

Mercoledì il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che la banca centrale non lascerà scivolare l’economia in un “regime di inflazione più elevata”, ha riferito Reuters. 

“Il tempo scorre su quanto tempo rimarremo in un regime di bassa inflazione… Il rischio è che, a causa della molteplicità di shock, si inizi a passare a un regime di inflazione più elevata; il nostro compito è impedire letteralmente che ciò accada e impediremo che ciò accada”, ha affermato il banchiere centrale.

Il trader di criptovaluta Justin Bennett ha affermato che la capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute è probabilmente diretta verso il livello dei 700-730 miliardi di dollari. Questo rappresenta un ribasso di quasi un altro 19-22% rispetto ai livelli attuali.

“Potremmo vedere un relief rally più importante da lì, ma tutto dipende da cosa succederà con l’inflazione, la Fed, ecc.”, ha dichiarato Bennett in un recente tweet. 

La società di analisi on-chain Glassnode ha affermato che mentre i “gamberetti”, ovvero i piccoli possessori di Bitcoin (con meno di 1 BTC) e le “balene”, ovvero i grandi possessori di Bitcoin (con più di 1.000 BTC) hanno accumulato, i miner hanno distribuito.

I gamberetti hanno accumulato 36.750 BTC al mese, ovvero lo 0,2% dell’offerta circolante e 1,36 volte l’emissione mensile; le balene, invece, hanno acquistato 140.000 BTC al mese direttamente dagli exchange e rappresentano il 45,6% dell’offerta di Bitcoin, ha affermato Glassnode in un thread su Twitter.

“I miner, che negli ultimi tempi sono stati sottoposti a un immenso stress da reddito, sono in modalità di distribuzione”, ha dichiarato Glassnode.

Con l’esclusione di Patoshi (uno dei primi miner di Bitcoin, ritenuto da alcuni il fondatore di BTC Satoshi Nakamoto) e di alcuni sconosciuti, i miner detengono complessivamente 65.200 BTC e stanno distribuendo 3.000-4.000 BTC al mese, ha osservato Glassnode.

Secondo Moya di OANDA, lo stress dei miner potrebbe portare a ulteriori vendite in futuro: “C’è il grosso rischio che i miner potrebbero essere costretti a cedere alcune delle loro partecipazioni a causa dell’impegno eccessivo con le GPU; la grande transizione di Ethereum verso un modello proof-of-stake (POS) è un punto di svolta che potrebbe danneggiare i miner che hanno finanziato molto hardware”.  

Nel frattempo, con un aumento settimanale del prezzo di oltre il 12%, Dogecoin sembra essere un’eccezione alla flessione delle criptovalute; la meme coin ha registrato un aumento del 32% della sua attività di rete, secondo la piattaforma di market intelligence Santiment.

Leggi anche: Il legame tra il crollo di Bitcoin e i test di Kim Jong-Un

Foto di Jin Odin su Shutterstock

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.