Coinbase perde fiducia anche presso l’S&P Global

In seguito alla flessione registrata dal mercato delle criptovalute, l’agenzia di rating ha dubbi “sulla capacità dell’azienda di operare in modo efficiente”

Coinbase perde fiducia anche presso l’S&P Global
2' di lettura

S&P Global ha abbassato il rating creditizio di Coinbase Global Inc (NASDAQ:COIN) a causa dell’outlook “negativo” per l’exchange di criptovalute.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo 

Giovedì S&P Global ha abbassato il rating del credito a lungo termine e il rating del debito non garantito di Coinbase da BB+ a BB.

L’agenzia di rating ha rivisto la valutazione del rischio finanziario dell’exchange di criptovalute dopo che Coinbase ha riportato dati deboli sugli utili del secondo trimestre.

“L’outlook negativo riflette le incertezze sulla durata della flessione del mercato delle criptovalute e sulla capacità dell’azienda di operare in modo efficiente gestendo le spese operative in modo prudente”, ha dichiarato S&P Global in una nota. 



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

“Riflette anche la possibilità di un ulteriore deterioramento della quota di mercato a causa di un contesto competitivo difficile e di un accresciuto rischio normativo”.

S&P Global ha evidenziato il calo del 30% nel volume di scambi registrato da Coinbase nel secondo trimestre, nonostante il volume complessivo di trading spot sulle criptovalute sia diminuito solo del 3% in tutte le altre sedi: questo segnale indica un aumento del “rischio competitivo” per l’exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti.

L’agenzia di rating ha anche sottolineato la decisione dell’exchange rivale Binance di introdurre zero commissioni di trading su Bitcoin (CRYPTO:BTC), nonostante il prezzo dell’asset sia crollato; questa mossa ha ulteriormente intensificato il rischio di compressione delle commissioni per il canale retail di Coinbase, che rappresenta l’80% dei suoi ricavi totali.

“I fattori contrari di tipo normativo sono aumentati per Coinbase dopo la recente informativa della SEC sull’accusa di frode finanziaria contro un ex dipendente e, più recentemente, rispetto alle indagini sui suoi programmi di staking e la classificazione di alcuni asset quotati”, ha scritto S&P Global.

Leggi anche: La SEC sta indagando su alcuni prodotti di Coinbase 

Movimento dei prezzi 

Nella sessione pre-market di venerdì le azioni Coinbase erano in rialzo del 2,06% a 85,73 dollari. Dati di Benzinga Pro.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.