SpaceX, Starlink riceve oltre 500.000 ordini

Secondo Elon Musk, la vera sfida sarà quando il suo servizio Internet avrà "diversi milioni" di utenti

SpaceX, Starlink riceve oltre 500.000 ordini
2' di lettura

SpaceX, azienda guidata da Elon Musk, si è assicurata oltre 500.000 ordini per Starlink, il suo servizio Internet super veloce basato su satelliti, come comunicato martedì dalla società.

Cosa è successo: Starlink, che attualmente è in fase beta, è un’impresa di SpaceX progettata per trasmettere Internet dai satelliti in orbita verso la Terra, specialmente in aree remote del pianeta.

SpaceX offre il servizio a 99 dollari al mese, più un costo una tantum di 499 dollari per il kit che include un terminale utente e un router Wi-Fi per connettersi ai satelliti.

“Ad oggi, più di mezzo milione di persone ha effettuato un ordine o versato una caparra per Starlink”, ha dichiarato Siva Bharadvaj, un ingegnere per le operazioni spaziali di SpaceX, durante la trasmissione del recente lancio di satelliti Starlink da parte di SpaceX.

A queste tariffe, e nel caso in cui i 500.000 ordini vadano a buon fine, contribuirebbero al fatturato annuo con una cifra di 594 milioni di dollari, oltre a 249,5 milioni se si considera anche il costo una tantum di 499 dollari.

In precedenza, SpaceX ha affermato che gli ordini sono “completamente rimborsabili” e che il servizio, progettato per raggiungere qualsiasi parte della Terra, potrebbe avere delle limitazioni e non è garantito quando si versa l’anticipo.

Leggi anche: Iniziano i preordini per il servizio Internet di Starlink

Perché è importante: Musk, che guida anche Tesla Inc (NASDAQ:TSLA), ha twittato che “molto probabilmente” verranno evasi tutti i 500.000 preordini, aggiungendo che Starlink dovrà affrontare “più di una sfida” quando il numero di utenti raggiungerà i diversi milioni.

L’interesse per la rete spaziale di Internet è in aumento, dato che sempre più aziende ne stanno esaminando le capacità; la divisione spaziale dell’appaltatore della difesa Lockheed Martin Corp (NYSE:LMT) ha collaborato con Omnispace LLC per lanciare un prodotto simile e in diretta concorrenza con SpaceX.

La rete spaziale eliminerebbe la necessità di terminali a terra e fornirebbe funzionalità 5G ai dispositivi di telecomunicazione direttamente dallo spazio.

Movimento dei prezzi: martedì le azioni di Tesla hanno chiuso in ribasso dell’1,65% a 673,60 dollari.

Foto di JD Lasica su Wikimedia