Bitcoin è bloccato fra due livelli, tacciono ETH e DOGE

Il recente sondaggio del Bitcoin Mining Council potrebbe essere un catalizzatore per la principale criptovaluta al mondo, incastrata fra i 40.000 e i 45.000 dollari

Bitcoin è bloccato fra due livelli, tacciono ETH e DOGE
4' di lettura

Mercoledì sera Bitcoin (CRYPTO:BTC) e altre importanti valute digitali si sono mosse in territorio negativo, con la capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute che è diminuita dell’1,8% a 2.100 miliardi di dollari.

Cosa è successo

Nelle ultime 24 ore la principale criptovaluta al mondo è arretrata dell’1% a 41.837,84 dollari; negli ultimi sette giorni BTC ha ceduto il 4,8%.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Ethereum (CRYPTO:ETH) ha avuto un calo giornaliero dell’1,3% a 3.116,99 dollari; negli ultimi sette giorni ETH ha perso il 7,6%.

Nelle ultime 24 ore Dogecoin (CRYPTO:DOGE) ha avuto un ribasso dell’1% a 0,16 dollari; negli ultimi sette giorni DOGE ha guadagnato l’1,4%.

La coin rivale di DOGE, Shiba Inu (SHIB), nelle ultime 24 ore ha ceduto il 2% a 0,0000275 dollari; negli ultimi sette giorni SHIB ha lasciato sul terreno il 14%.

Theta Fuel (TFUEL), FTX Token (FTT) e BitTorrent (BTT) sono risultate le tre criptovalute in maggior rialzo giornaliero, secondo i dati di CoinGecko.

TFUEL ha fatto un balzo del 6,6% a 0,195 dollari, FTT ha avuto un aumento del 6,3% a 47,41 dollari e BTT ha fatto segnare +5,2% a 0,0027 dollari.

Perché è importante

Secondo Craig Erlam, analista di mercato senior di OANDA, Bitcoin sta “fluttuando” fra il supporto a 40.000 dollari e la resistenza intorno ai 45.000 dollari.

“Bitcoin sembra essersi perso nel rumore delle ultime settimane; non sta scendendo in modo troppo deciso nonostante gli asset di rischio vengano bistrattati, ma non si sta nemmeno riprendendo in modo significativo”, ha scritto Erlam in una nota inviata via e-mail.

Edward Moya, collega di Erlam presso OANDA, ha sottolineato le affermazioni del presidente della Securities and Exchange Commission (SEC) Gary Gensler, secondo il quale la SEC resta concentrata sulla regolamentazione degli exchange di criptovalute mentre il rischio climatico e le regole ambientali, sociali e di governance sono priorità centrali per il 2022.

Michael Saylor, CEO di MicroStrategy Incorporated (NASDAQ:MSTR) e toro di Bitcoin, mercoledì ha pubblicato una dichiarazione del Bitcoin Mining Council (BMC), un forum globale volontario di società di mining di Bitcoin.

Saylor, che è un membro chiave del Consiglio, ha confermato i miglioramenti nel mix energetico sostenibile e nell’efficienza tecnologica di Bitcoin.

Attraverso il suo ultimo sondaggio, il BMC sostiene di essere riuscito a raccogliere informazioni sull’energia sostenibile da oltre il 46% della rete globale di Bitcoin (alla data del 31 dicembre 2021).

I risultati indicano che il 66,1% dei partecipanti utilizza elettricità con un mix energetico sostenibile. Secondo il BMC, sulla base di questi dati durante il quarto trimestre del 2021 il mix di elettricità sostenibile dell’industria globale del cripto mining è cresciuto fino a circa il 58,5%, in aumento dell’1% su base annua.

Marcus Sotiriou, analista presso la società britannica di intermediazione di asset digitali GlobalBlock, ha dichiarato in una nota visionata da Benzinga che i 40.000-41.000 dollari sono una “regione chiave di supporto per Bitcoin”.

Sotiriou ha dichiarato che i fondamentali di Bitcoin “non potrebbero essere più solidi in questo momento”; l’analista ha citato l’annuncio di Intel Corporation (NASDAQ:INTC) in merito ad un nuovo ASIC per il mining di Bitcoin ad alta efficienza energetica – che verrà presentato in occasione dell’imminente Conferenza internazionale dell’IEEE sui circuiti a stato solido del prossimo mese – come uno degli sviluppi positivi legati alla principale criptovaluta al mondo.

“Il fatto che un’azienda tecnologica da oltre 200 miliardi di dollari stia fornendo soluzioni per il mining di Bitcoin è un’ulteriore conferma dell’ingresso di grandi attori nel settore delle criptovalute. Il sistema di Intel propone di ridurre il consumo energetico complessivo di circa il 15%: questo aumento dell’efficienza energetica aiuterà un maggior numero di investitori istituzionali a entrare nel settore, poiché la compatibilità ambientale è una delle loro priorità chiave”, ha scritto Sotiriou.

Nel frattempo, le balene di Bitcoin sono tornate in azione. I dati di Santiment indicano che negli ultimi 2 giorni i grandi investitori hanno accumulato 40.000 BTC; ora le balene sono “tornate a possedere la stessa quantità di prima che iniziassero a scaricare a 49.000 dollari”, ha dichiarato su Twitter la piattaforma di dati del mercato finanziario.

Leggi anche: StockX lancia NFT per colmare il divario tra mondo fisico e virtuale