Regeneron, risposta positiva dal cocktail anti-Covid

Il farmaco prodotto dall’azienda di Tarrytown (New York) ha fornito risultati incoraggianti nel trattamento dei pazienti ricoverati

Regeneron, risposta positiva dal cocktail anti-Covid
1' di lettura

Martedì Regeneron Pharmaceuticals Inc. (NASDAQ:REGN) ha rivelato che il suo cocktail anticorpale ha mostrato risultati positivi nelle sperimentazioni di fase iniziale per il trattamento dei pazienti ricoverati.

Cosa è successo: il farmaco di Regeneron, una miscela di due anticorpi (Casirivimab e Imdevimab), è stato testato sui pazienti ricoverati per infezione da COVID-19 che richiedono ossigeno a basso flusso; sulla base dei risultati ottenuti, l’azienda ha affermato che intende continuare i test di fase avanzata attualmente in corso.

I gruppi di sperimentazione sono stati suddivisi in due categorie in base alla capacità intrinseca del paziente di generare anticorpi: il gruppo dei sieropositivi era in grado di produrre i propri anticorpi, mentre il secondo gruppo, quello dei sieronegativi, non possedeva tale capacità.

Tra questi due gruppi, il gruppo dei pazienti sieronegativi ha ottenuto un punteggio migliore in alcuni parametri, come il rischio di morte o la necessità di ventilazione meccanica.

Perché è importante: in precedenza Regeneron ha riportato risultati positivi anche per il trattamento dei pazienti Covid che non hanno richiesto il ricovero in ospedale; inoltre, a novembre, il suo cocktail di anticorpi ha ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza dalla Food and Drug Administration per i pazienti ad alto rischio che non hanno avuto bisogno di ricovero in ospedale o di ossigenoterapia a causa del COVID-19.

Regeneron ha evidenziato l’impegno del governo statunitense a fornire 300.000 dosi a costo zero per i pazienti ambulatoriali (escluse le spese di amministrazione); l’azienda ha poi aggiunto di essere sulla buona strada per riuscire a produrre queste dosi entro gennaio, come programmato.

Movimento dei prezzi: martedì il titolo REGN ha chiuso a 484,22 dollari, in aumento dello 0,26%.